Jenny Space. Charlotte e’ la citta’ in cui ci svegliamo questa mattina, curiosi di scoprire come e’ il luogo che  sta ci  sta ospitando.
DSC04152
La prima tappa della giornata e’ la Hall of Fame della Nascar, in pratica un museo- esposizione di auto e cimeli del campionato di corse automobilistiche piu’ seguito negli Stati Uniti.
DSC04125
Affascainante anche il filmato di presentazione on cui abbiamo scoperto in che maniera sono nate le corse automobilistiche negli States.
DSC04061
Negli anni del proibizionismo americano, molte famiglie nella zona degli Appalachi vivevano grazie alla produzione di alcolici. Se la polizia li fermava e li arrestava,  la famiglia non sapeva piu’ come mangiare. Chi aveva l’auto piu’ veloce, aveva maggiori possibilita’ di sfuggire all’arresto. Cosi’ man mano che coloro che consegnavano i liquori, cominciarono ad imparare a truccare le automobili,ad andare sempre piu’ veloci  ed a imparare anche ardite tecniche di guida.
DSC04072
Il passo succesivo fu cominciare a correre sulla grandissima spiaggia di Daytona Beach, in Florida,
DSC04116
finche’ qualcuno noto’ che sempre piu’ gente si fermava a guardare le corsa delle auto. Cosi’ nel 1947 nacque la Nascar e dalle prima corse sgangherate del dopoguerra sono arrivati fino ad oggi, con un impero conosciuto in tutto il mondo.
Anche per non appassionati di corse questa visita e’ davvero stupenda.
DSC04076
Le auto d’epoca sono favolose e anche i cimeli esposti sono davvero affascinanti. Un emozionante percorso, da cui siamo usciti anche con  molte informazioni  in piu’ e con una bella riflessione sulla nascita della Nascar.
DSC04097
Alla fine anche un po’ di riposo al Pit Stop ufficiale..
DSC04133
Nel pomeriggio ci siamo fermati in un negozio di hobbistica,Hobby & Lobby, per cercare del materiale per l’album e i quadri che facciamo con lo scrapbook, come fosse un collage di foto, dati e gadget principalmente cartacei raccolti durante i viaggi.  Un negozio immenso e bellissimo, con centinaia di articoli al 50%di sconto. Il negozio fa parte di una catena di franchising, purtroppo in Florida il piu’ vicino si trova a Lakeland, perche’ per oggetti belli e particolarissimi per gli hobby e la  casa a poco prezzo e’ straordinario.
Dopo il negozio ci siamo spostati per andare a cena presto, dato che dopo avevamo ancora una parte di viaggio. Siamo andati in cerca di Bigs Daddy, una paninoteca conosciuta della zona che non abbiamo trovato ,al suo posto c’era una pizzeria ‘The Italian Pie.” . Io ho cercato di guardarmi in giro per vedere se Bigs Daddy era qualche edificio piu’ in la’ , ma Daniele  si e’ precipitato nel locale ipnotizzato dalla pizza. La pizza sarebbe anche stata buona se non fosse stata cosi’ ricoperta di origano e basilico da averci fatto venire il timore di trovarci uno scoiattolo dentro. La cameriera al momento del conto si era dimenticata di riportarci la carta di credito, le e’ venuto in mente subito quando ha visto Daniele che costruiva casette con le bustine di zucchero.. Non ci e’ solo stato chiaro perche’ il posto si chiama The Italian Pie,
DSC04162
dato che non fanno dolci ma solo pizze..
Finita la cena ci siamo messi in auto per dirigerci verso la nostra prossima meta , la citta’ di Columbia nel South Carolina.

About Jenny Bogiatto

Leave a Reply

Your email address will not be published.