Nevada e Arizona – Il Diavolo e l’Acqua Santa

Questa mattina la nostra meta non e’ piu’ un luogo in cui incontrare gli Hero, la straordinaria settimana di Hero Camp e’ finita e la nostra meta dista 5 ore di distanza. Cambio di Stato, lasciamo la meravigliosa Arizona, con le sue terre rosse e le sue ombre di cavalieri lontani.

IMG_1740

Lasciamo una terra magica, che ci e’ entrata nelle ossa e nel cuore come un incantesimo che arriva lontano nel tempo. Sento di lasciare la casa di un’ amica con la promessa di tornare presto a bussare alla sua porta, con piu’ strumenti nel mio zaino. Siamo pronti a compiere un nuovo passo, saliamo in auto e ci dirigiamo verso il Nevada.

IMG_3512

Nostra nuova meta per un importante impegno di Dan e’ l’Hotel Bellagio, sede per i prossimi 5 giorni, della Business Mastery di Anthony Robbins.

5 ore e il panorama cambiera’ totalmente ai nostri occhi.

IMG_3499

5 ore per lasciare una terra di spirito ed entrare in un terra di “peccato”.

IMG_3542

Se vogliamo usare due termini estremizzanti, Arizona e Nevada stanno una all’altra come il diavolo e l’acqua santa

IMG_3534

. Come il bene e il male sono  vicine, molto vicine, il confine dista solo lo spazio di una pennellata sulla mappa. Come nella vita vera sta solo a noi distinguere il fievole confine che a volte divide la luce dall’ombra, ricordando che ad ogni parte e’ necessaria la propria antagonista per esistere perche’ la luce e l’ombra senza il proprio contrasto non potrebbero essere definite, in quanto l’ombra anche se a volte si sente potente, non e’ altro che assenza di Luce.

cuore-ombra_2617861

Cambia il panorama e cambia soprattutto l’energia del luogo, cambiano i visi delle persone e i profili del panorama. Cambia soprattutto l’animo delle persone.

Se in Arizona bastava guardare un nuovo volto per ricevere un sorriso, allungare un amano per riceverne una calorosa stretta, qui il cambio e’ drastico. In serata mentre siamo fuori, Beatrice non si sente bene, probabilmente il toast mangiato velocemente durante il viaggio aveva visto giorni migliori, cosi’ cerchiamo un taxi per tornare prima in albergo. Riusciamo a fermarne due, agli autisti basta un occhiata a Bea per capire che qualcosa non va, scappano via uno piu’ velocemente dell’altro lasciandoci per strada increduli, dopo aver ascoltato l’ultima risposta. Mentre chiude lo sportello di fretta ci dice che non vuole che gli sporchi i sedili se si sente male . Stiamo parlando di una ragazzina di 12 anni con mal di stomaco, non di un’ubriaca per strada.  Armati di Google Maps, capiamo che tagliando all’interno in pochi minuti siamo in albergo, ci serve meno tempo per andare a piedi che fermarci a discutere con qualche altro autista compassionevole.

mano-tesa

Siamo e sono incredula per l’accaduto. Come sempre ogni esperienza porta con se due facce della stessa medaglia e anche questa lascia la sua traccia nel mio bagaglio di esperienze.  Mi fermo a pensare alla vita di questi due uomini che neppure si fermano ad aiutare una bambina. Mi fermo e provo pena per loro. Mi ritrovo a sentire due calde lacrime scendere, pensando a quando profonda possa essere a volte la poverta’ umana, molto lontana da quella del portafoglio e molto vicina a quella dove un tempo batteva un cuore.

Mi sento grata per la vicinanza di tante splendide persone intorno a me, ancora una volta penso a quanto sia importante circondarsi di persone in linea con il nostro essere. grazie

Jenny

About Jenny Bogiatto

3 Comments

  • ruggero nertoli ha detto:

    complimenti a tutti ….ruggero nertoli

  • Chiara Bunino ha detto:

    Quest’articolo mi ha colpita molto. Inizialmente mi ha lasciato un pò d’amarezza e di tristezza la reazione dei due taxisti, poi, grazie alle tue ultime parole, tanta gratitudine e felicità per le persone che mi sono accanto, sia in virtuale sia in reale. Grazie!!! 🙂

  • mario velardo ha detto:

    Gli Hero ci hanno messo l’anima… tu il cuore!!
    Quelle due lacrime, hanno meritato la medaglia più bella: quella della Bontà

    Grazie Jenny

Leave a Reply

Your email address will not be published.