L’evoluzione maschile: Ubersexual Heteropolitan o Manther?

Leggendo una recensioni di nuovo libro edito da Corbaccio che è “Il futuro del maschio”, sono rimasta un pò perplessa. Viviamo in un periodo storico in cui pare vi sia una necessità quasi fisiologica di etichettare ogni cosa, infilare tutto e tutti in categorie prestabilite , mettere in atto il comportamento infantile di avere dei confini precisi per potersi orientare meglio. Io già a malapena avevo capito di che uomo si parlava con il termine ” metrosexual” per i neofiti non è un maniaco sessuale che colpisce sul metrò ma , per essere precisi”un uomo che ha scelto se stesso come fonte di piacere”, in parole povere un novello narciso. Ora secondo questa teoria del “darwinismo cittadino” si aprono nuovi orizzonti e intravvediamo nuove figure maschili quali  l’ubersexual, l’heteropolitan e il manther.

LoveRug

Sul primo termine mi astengo dal commentare perchè il nome è già abbastanza ridicolo da solo, immagino che all’Oktoberfest ne troveremmo a manciate (non sono riuscita a trattenermi..). Comunque per essere seri questa classificazione riguarda l’uomo che veste con classe maschile vecchio stile anche per affermare la sua eterosessualità, un uomo sicuro che vuole primeggiare, per intenderci una versione elegante di Magnum P.I. L’Heteropolitan invece è il bel e bravo ragazzo della porta accanto, tipo quello che ti appare a sorpresa sul balcone per proporti il cambio dei due fustini, facendoti prendere un colpo per lo spavento.

10079967676

In parole povere il candidato che piace tanto alle mamme.  Infine il terribile Manther, un tipo rozzo , palestrato, superabbronzato, che cerca compagne con metà dei suoi anni per sembrare piu’ giovane. In pratica un incrocio tra uno zoticone e Dorian Gray.Per rimanere in ambito web vorrei sottolineare che manca la versione tecnologica, come possiamo chiamare l’uomo moderno che ha l’iphone incorporato come naturale estensione della mano, il portatile da utilizzare anche in bagno , e da questo luogo possiamo almeno giustificare la qualita’ di molto materiale che si legge in rete.. Il nome è già bello pronto, non so se qualcuno ci ha pensato prima ma già esiste il naturale eroe del web che altri non puo’ essere che Spiderman, chi meglio di un uomo ragno puo’ dominare la rete ?

About Jenny Bogiatto

Leave a Reply

Your email address will not be published.