Jenny Space. Pochi giorni fa su un libro ho letto una bellissima piccola storia che narrava all’incirca cosi’:

fig011

Un uomo arriva in un villaggio e si rivolge ad un anziano signore chiedendogli ” Buongiorno, io sono arrivato per stabilirmi in questo villaggio e vorrei sapere come sono le persone che lo abitano.” “Come erano gli abitanti del suo villaggio ?” risponde interrogativamente  l’anziano uomo. ” Erano malvagi, gelosi e arroganti” rispose il viandante. ” Bene, anche le persone di questo villaggio lo sono” fu la risposta. Poco dopo arrivo’ un altro viaggiatore che fece all’anziano abitante la stessa domanda del primo. Quando l’uomo chiese a sua volta “Come erano gli abitanti dal villaggio dal quale provieni” questa volta la riposta fu ” Erano gentili, generosi e sempre disponibili”. “Anche gli abitanti di questo villaggio  lo sono” ripetè nuovamente l’uomo. Un compaesano che poco distante aveva ascoltato i due dialoghi si avvicinò e chiese” Perchè mai hai dato la stessa risposta avendo ricevuto due informazioni cosi’ diverse?” L’uomo lo guardo’ e lentamente rispose ” Perchè  noi vediamo negli altri ciò che è dentro di noi”.

323f77b5-16bf-4c1f-8c7d-52a87b775819

Questa piccola storia mi ha molto colpita per la  sua semplicità e immediatezza. Noi osserviamo il  mondo che ci circonda dimenticandoci spesso di farne parte.  Si valuta  l’intero sistema come se si fosse spettatori paganti arrogandosi il diritto di lamentarsi del prezzo del biglietto. Peccato non accorgersi che quello su cui si è seduti non è la tribuna ma direttamente il palco. Fermarsi e rendersi conto di essere parte attiva del sistema è fondamentale. Tendere a uniformare e inglobare i singoli per poter parlare solo di sistema è pericoloso e improduttivo. La famiglia, i colleghi, i cittadini, la scuola, il governo, il sistema, il mondo intero.

gruppi-di-cammino-300x246

Tutti questi gruppi sono unità che vivono di vita propria, tipo Il signor Governo, la signora Scuola, l’egregia Famiglia? Posso sbagliarmi ma penso proprio che ognuno di noi faccia parte di questi gruppi e autoesiliarsi per giudicare dall’esterno è una metologia improduttiva.

Meet-Neighbors.jpg

Prendiamo coscienza di quanto forte sia il nostro ruolo dall’interno e la prossima volta prima di giudicare i nostri vicini maleducati riflettiamo se mai ci siamo fermati noi a salutarli per primi..

About Jenny Bogiatto

5 Comments

Leave a Reply

Your email address will not be published.