Il Codice della Ricchezza – i conti bancari e la Banche

Abbiamo parlato nel primo articolo del codice della ricchezza del denaro e abbiamo visto insieme come esso oggi sia semplicemente carta stampata senza valore intrinseco. Adesso sei a conoscenza del fatto che possiedi e lavori per possedere delle fotocopie artisticamente ben realizzate.

Visto che con tutta questa carta originiamo il nostro “potere” nella vita quotidiana il passo successivo è dove mettere il denaro. Tralasciamo il fatto che è alla portata di tutti comprendere che il “contante” è di utilizzo immediato e che quindi non necessita passaggi mentali se non quello fisico di riceverne o di metterlo nella mani di altri come pagamento.
Passiamo invece allo step immediatamente sequenziale.

314935157

La Banca.

Come sempre l’etimologia ci viene in aiuto. La parola Banca risulta essere il femminile di Banco, il luogo ove un tempo si pagavano gli stipendi ai soldati e che successivamente divenne il luogo dove si scambia il denaro con altri valori.
Rivediamolo quindi insieme. Nasce come luogo di paga in cui il denaro presente era quello consegnato ai soldati per il loro operato. Solo successivamente diventa il luogo in cui si scambia il denaro con altri valori.

conto-deposito-giugno-2011

Adesso osserva le banche del nostro tempo. Un luogo ove non si viene più pagati ma un posto dove si va a riporre il proprio denaro scambiandolo inizialmente con una contabile che tramite i numeri impressi ci aita a tenere traccia del nostro capitale. Ed ecco che proprio per questo lo strumento si chiama Conto andando anche questa volta in aiuto per la comprensione di cosa fa e cosa serve un Conto.

Un conto serve per avere una traccia numerica di quanto denaro abbiamo dato alla Banca in modo da potercelo riprendere quando necessario.

Ma che differenza c’è tra il conto corrente e il conto deposito?

tasso_interesseIl conto corrente è lo strumento con il quale oggi le Banche non forniscono più un interesse per il deposito ma offrono al cliente una serie di servizi utili e che agevolano lo stesso utilizzo. Carte Bancomat, Assegni, possibilità di bonifico iternazionale e molte altre possibiltà

Il Conto Deposito invece è uno strumento tramite il quale la Banca fornisce un interesse per il capitale depositato. Non sono presenti i servizi precedenti quali bancomat o assegni. Qui la differenza lo fa proprio il semplice fatto che ricevi degli interessi. Hai comunque sempre la disponibilità immediata di trasferimento contante al Conto Corrente e quindi il successivo prelievo.

Cosa fare quindi di questi due tipologie di conti?

Il primo, il Conto Corrente, deve essere intepretato per quello che è oggi. Uno strumento di movimentazione del denaro che offre diversi servizi quali denaro elettronico, bonifici, assegni, carte di credito e tutto quello che è annesso allo stesso strumento. Nessun interesse quindi non origina passive income (denaro che entra nelle tue tasche senza che tu faccia nulla)

images

Il secondo, il Conto Deposito, è un’ ottimo strumento per parcheggiare temporaneamente il denaro senza perdere troppo per l’inflazione. Se l’interesse sul conto Deposito è sufficientemente buono riesci a limitare i danni della perdita del potere di acquisto. Non confondere tale strumento come un investimento perchè in tal caso dovrebbe portarti un passive income superiore all’ inflazione, quella vera e non quella decantata da non più di tanto sicuri analisi statistiche.

Per tale motivo in Italia in questo momento esistono delle ottime possibilità di apertura di conti su Banche serie ed affidabili.

Te ne elenco alcune per brevità

– ING

– BARCLAYS

– FINECO

– CHE BANCA

– IWBANK

– YOUBANKING

– INMEDIOLANUM

– SEMPREPIU’WEB

– CARIPARMA

SANTANDER

BANCO POSTA ONLINE

– SPARKASSE

– IBL

– INTESA SAN PAOLO

La scelta quindi consapevole è sui servizi, sull’ accessibilità e facilità di utilizzo. L’interesse che viene presentato da alcune di queste Banche anche sui conti correnti è solo una metodologia per attrarre il Cliente su di un elemento che deve essere non il primo punto di attenzione.

Il denaro sul conto ci deve stare poco, anzi, pochissimo. Il denaro deve fruttare altro denaro mentre noi dormiamo e non certo le briciole di un interesse che a stento riesce a coprire l’ inflazione galoppante (inflazione che i Governi conoscono benissimo avendo tolto la parità aurea)

Ecco che quindi l’attenzione deve puntare sulla sicurezza della Banca come impresa, sulla funzionalità degli strumenti e sui servizi offerti. Solo a parità di questi elementi possiamo scegliere anche per l’interesse migliore (sempre facendo attenzione che non sia annullato dalle spese di mantenimento del conto, i famosi costi soft invisibili agli inesperti)
Inoltre ricorda che avendo bisogno di diversi contenitori (conti correnti) per l’applicazione degli strumenti dell’ intelligenza finanziaria è bene avere più di una banca e conti correnti separati soprattutto tra business e personale.

Ovviamente la scelta della o delle Banche è a te riservata come anche quella delle tipologie di conto.
Ricorda sempre che la conoscenza e l’informazione guidata dall’ intelligenza selettiva sono il must dell’ epoca in cui viviamo.
Quindi studia, agisci, studia, agisci……

dan bogiatto

About dan bogiatto

Ideatore del metodo Business Family Engine, presidente e co-fondatore del Bogiatto Group, Dan Bogiatto, insieme a sua moglie Jenny, i suoi figli e tutta la famiglia intenzionale, ha votato la sua vita ad aiutare tutte le persone che lo desiderano a sviluppare e implementare l'impresa a controllo famigliare ottenendo un BUSINESS di successo INSIEME a una FAMIGLIA di successo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.