VII Hero Camp Arizona 2013 | 3° Giorno, Red Rock e la Foresta Sacra quindi via sulla route 66

Alle 4,30 del mattino tutti insieme ripartiamo nelle attività Hero Camp (il polifasico rende la giornata molto, molto più intensa)

Alle 8 consueto brefing con gli Hero che puntuali come un orologio svizzero sono pronti per utilizzare i 90 minuti di tempo concesso per acquistare viveri e alcuni elementi utili per l’attività del giorno.

Oggi ci rechiamo alle Red Rock Mountain, specificatamente nella foresta sacra nei ditorni di Sedona. Il paesaggio è memorabile, la distese di neve sono immense. Troviamo il posto corretto per le attività odierne che hanno come obiettivo quello di stimolare l’ energia bambina. Tale energia è quella che ogni persona attiva per riempire il serbatoio che serve per agire nella propria esistenza. Purtroppo però le sovrastrutture adulte e genitoriali costruite negli anni tendono a svuotare tale energia. Per questo motivo molte persone non riescono a trovare il modo per essere energici ed attivi nella propria esistenza.

IMG_2129Dopo aver spiegato la struttura della giornata passo a Cristina del Team la palla. Iniziano i giochi nella neve dura in superficie ma mobida sotto il primo strato. La giusta modalità per divertirsi faticando ad ogni passo. I giochi si susseguono con alcune difficoltà importanti nel riuscire da parte degli Hero a spegnere la parte che invece di divertirsi pensa solo a vincere. Il bambino si diverte, questa è la sua prima mossa nella vita, saranno poi gli adulti ad inculcare questo programma sino a farlo diventare totalmente inconsapevole.

IMG_2178I due gruppi vengono rinominati in “Ciucci” e “Pannolini” ed ogni persona per tutta la giornata assume il nomignolo con I quali venivano chiamati quando avevano circa tre o quattro anni. Un ottimo modo, quello vocale, per rievocare energie totalmente differenti.

Freddo a bassissime temperature, riflesso solare sulla neve, impegno psicofisico e attività non stop stremano gli Hero ma non ancora abbastanza per fare uscire il vero “bambino/a interiore”. Sono le 15.15 nel momento del ritrovo da Twisters sulla route 66 a Williams. IMG_2284Un locale storico tutto dedicato alla Coca Cola con pezzi da collezione che parlano da soli. Assegnazione quindi del numero di tifosi che si sono aggiunti e conteggio del budget rimasto. E’ arrivato il momento del task successivo. I due team si dividono insiema a Max e Cristina per realizzare la foto più bella e caratteristica che possa rappresentare proprio la route 66. Tale foto viene messa quindi sul blog e le due squadre vanno in competizione per agguantare con la loro creatività qualche utile dollaro di budget supplementare. Alle 17 si parte per l’ utlima tappa dove abbiamo riservato un locale particolare nella città di

E’ arrivato il momento di comunicare i dati del pubblico, l’eliminazione incombe. I candidati sono Nino Doganiero, Iris Rigon e Stella Maris Boscolo Pelo.

I numeri parlano chiaro e l’attonito Nino riceve il 51,5 % di preferenze per l’eliminazione. Cosa sarà successo? Iris Rigon è scampata per la seconda volta ed anche Stella Maris Boscolo Pelo ne esce incolume.
Arriva il momento delle nomination in cui alcuni equlibri evidentemente segnalano la trasformazione dei gruppi. Ogni giorno le dinamiche si evolvono e si involvono. La teoria del branco di lupi è sempre valida e si adatta perfettamente agli esseri umani nel bene e nel male. Utile da apprendere per capire le dinamiche famigliari e in ambito professionale.
La prova leader chiude la giornata e assegna I nuovi “comandanti” sulla scia dell’attività svolta in giornata. Questa volta i nomi sono Patrizia Guabello per i Cowboy e Daniela Moretti per gli Indiani

IMG_2353E’ il momento quindi della serata di formazione in un locale storico della route 66 ove hanno mangiato personsaggi molto importanti tra cui ex- presidenti degli Stati Uniti D’America e imprenditori del calibro del proprietario della Pixar. Tra un malessere con svenimento di un Hero, la stanchezza della giornata per le grandi emozioni e la caratterizzazione del locale andiamo a fondo tutti insieme nelle dinamiche messe in campo per fare in modo che nei prossimi giorni possano emergere e diventare dinamiche consapevoli.

Il sonno porta ristoro e domani si apre un’altra straordinaria giornata.

dan bogiatto

About dan bogiatto

Ideatore del metodo Business Family Engine, presidente e co-fondatore del Bogiatto Group, Dan Bogiatto, insieme a sua moglie Jenny, i suoi figli e tutta la famiglia intenzionale, ha votato la sua vita ad aiutare tutte le persone che lo desiderano a sviluppare e implementare l'impresa a controllo famigliare ottenendo un BUSINESS di successo INSIEME a una FAMIGLIA di successo.

26 Comments

  • Eliana Arcaini ha detto:

    Qualcuno ha controllato le tasche di Alex Printer in uscita da Twisters? Magari qualche souvenir brandizzato Coca Cola gli è “involontariamente” scivolato in tasca… Ahahahahah!!! Grande Alex! Un collezionista come te si sarà lustrato gli occhi lì dentro! Forza Indiani!!! 🙂

  • Roberta Lozza ha detto:

    altra giornata intensa e ricca di emozioni, a distanza certo ma il poter seguire passo passo la vostra esperienza ci avvicina sempre più!

    Passione, paura, gioia, ansia solo alcune tra le emozioni che immagino di questo hero… e è solo l’inizio 🙂

    a domani!

  • Vittorio Laurito ha detto:

    Che spettacolooo!!! il prossimo hero si fa ancora li vero? HIhihihi 🙂

  • Stefano Basso ha detto:

    @Vittorio: e ritrovarsi due Hero Camp che non sono unici e irripetibili? Mai!! 🙂

  • giorgia marras ha detto:

    vai Giuseppe siamo tutti con te torna vincitore

  • Chiara PIsati ha detto:

    mi vedo dappertutto pupazzi di neve con carote come nasi, sciarpe e tutto il resto ^.^ … forza fede… Ps nevica anche qui!!! 😛

  • Moreno Costagli ha detto:

    Alex eri nel tuo mondo, che ti sei preso???????
    siete grandissimi.

  • Chiara Bunino ha detto:

    Bellissime le attività sulla neve!!! 🙂 Rubabandiera, lo spalviero/volpe bianca, le battaglie di neve… l’attività per liberare ed energizzare il bambino libero sono sempre divertenti!!! 🙂

  • Andrea Immacolato ha detto:

    Quanto gli avete lasciato da Twisters? Conoscendo qualche Hero Fan della Coca Cola è difficile pensare che si sono trattenuti, proprio una grande prova di autocontrollo, da Hero!!! 🙂

  • Michela Carbellin ha detto:

    Ragazzi ma qui si scatena l’energia bambina e non!!!!! Mi sembra di vedere una squadra di bambini che vestono abiti adulti e si divertono come dei pazzi !!!!!! Vai Andrea unleash the children in you!!!!!!

  • maria fortuna ha detto:

    Che bello vedere come si divertono questi bambini un po’ cresciutelli! Forza Cowboy! Che agilità Andrea vedo che ti sei ripreso alla grande !

  • arianna tonello ha detto:

    che bello giocare sulla neve!!!!!!!!!!!!!!!!!però la neve richiede imbragatura e secondo me anche loro si sono attrezzati con pantaloni giacche guanti!!!! Sei forte papà Andrea

  • Frido Carbellin ha detto:

    Bravissimi tutti! Siete davvero in gamba. Vai Andrea!

  • Isabella db ha detto:

    buon divertimentooooo!
    Io adoro la neve, e lì ce n’è un sacco!
    La neve ed il freddo ti mettono a nudo,
    buona fresca nudità a tutti i cowboys!

  • Elisa Rosazza ha detto:

    Vai Pat! sarai un leader grandioso!!

  • Alessia Lozia ha detto:

    BRAVI RAGAZZIIIII VAIIII AAAUURIIIIIII !!!!!

  • Francesca Quartero ha detto:

    Ragazzi quante emozioni con i filmati di oggi!! Proprio mentre facevo il mio allenamento di Heat Program pensavo a voi e a quanto la fatica che ti porta a contattare il limite fisico si trasforma in pura energia e la sensazione è pazzesca!
    Poi i vostri filmati sull’energia bambina che mi hanno portata in forte contatto con la profonda consapevolezza delle ore trascorse con mia figlia….20 mesi…pura energia in quello sguardo che trasuda il “tutto è possibile”!!!!!
    Poi Patty leader della giornata! Il trionfo!!!
    GRANDEEEEEE!!!!!!

  • Paolo Mason ha detto:

    Spettacolo giocare sulla neve, la neve poi è particolare perchè crea un silenzio particolare e un senso di “pulizia” che favorisce l’uscita dell’energia bambina.
    Forza Hero!!!!

  • gigia ha detto:

    Che spettacolo tutta questa neve !!! Buon divertimento !!!

  • Elisabetta Parravicini ha detto:

    É spettacolare vedervi così gioiosi e… Liberi! Forza Raga!!!!! Date i dentro!!!!

  • giovanni allegro ha detto:

    Mitica la route 66 ciao Aurelio mi racconti poi

  • maria elena ha detto:

    Bella la competizione sulla neve !!! Forza Leonardo !!!

  • Francesca Quartero ha detto:

    Gioco e realtà si intrecciano nel dispiegarsi della vita! È così per voi Hero in questa esperienza, ma è così per tutti noi. Ai nostri occhi un bimbo gioca ma per lui quella è realtà! E in ogni fase della vita il gioco da un lato e la consapevolezza nelle scelte che portiamo avanti non dovrebbero mai abbandonarci! L’ augurio è che ognuno di noi possa mantenere sempre equilibrio tra le varie forze che ha in se stesso!

  • Serena Negro ha detto:

    Grande Patrizia! Sapevo che prima o poi saresti diventata leader!
    Forza Volpe del deserto! Sei grande!

  • Antonella casazza ha detto:

    Che emozione e che sogni si attivano. Sogni obbiettivi? Ahahahah li faccio SMART e così si realizzano!!!!

  • Cristina Molinari ha detto:

    Ciucci e Pannolini faticano a liberarsi degli adulti alle prime battute della giornata, non conoscono i giochi, non ricordano di aver mai giocato a lupo o a mosca cieca… riportare le vecchie regole alla memoria richiede spiegazioni sin troppo articolate e la resistenza dell’adulto e’ forte e ostinata. I primi scivoloni sulla neve scaldano l’atmosfera ma siamo ancora molto adulti, troppo, finche’ tra i giochi ne emerge uno che appare sconclusionato. Gli Hero sono sorpresi, non comprendono l’obiettivo del gioco e lo chiedono piu’ volte. Alla risposta “lo scopo e’ divertirsi” si sorprendono, recalcitranti iniziano a giocare e solo correndo e acchiappando i compagni scoprono che… wow si stanno divertendo!

Leave a Reply

Your email address will not be published.