Jenny Space. E-Motion & Emotion in Motion. Mi è venuto in mente di creare questa frase questa mattina, durante un incontro di Integrazione Somato Respiratoria che sono andata a fare a Torino,presso il centro Atlas, con la bravissima Stefania Capitanio. Stefania ci parlava di emozioni in movimento, e quindi  emotion in motion. Della necessità di lasciar andare le proprie emozioni, di farle passare anche fisicamente attraverso il nostro corpo per riuscire a identificarle e quindi ad esprimerle e a viverle. Perchè le emozioni che tratteniamo si trasformano in blocchi di energia accumulati nel nostro corpo.

Sottomenu-19

Dobbiamo imparare a lasciarle andare e permetterci più spesso di fare ciò che desideriamo, non fare solo ciò che gli altri si aspettano da noi se questo non coincidere con il nostro modo di essere .Così mi è venuto in mente di collegare i movimenti virtuali che facciamo ogni giorno, chiamandoli e-motion, non so se questo termine sia già utilizzato, con il movimento delle nostre emozioni. Ogni giorno, quando ci colleghiamo alla rete,ed entriamo ad esempio  in  Facebook, o ad un altro Social Network, stiamo facendo un vero e proprio percorso. Stiamo facendo una strada virtuale che si interseca fortemente con quella reale.

social-media-people.JPG

Vi siete mai soffermati a pensare quanto  i movimenti virtuali influenzino proprio fisicamente la vostra Vita? Molto di più di quanto si possa immaginare. Sia a livello emozionale che a livello pratico. Seduti alla scrivania possiamo entrare in un mondo fatto di infiniti percorsi ed effettuare un’infinità di azioni che non ci stancheranno molto fisicamente ma assorbiranno invece molto della nostra energia mentale. Per questo è bene scegliere come utilizzare la nostra energia e non farci distrarre, cosa che navigando accade praticamente ogni secondo, non permettendoci poi di portare a termine i nostri obiettivi. Immaginiamo di essere in una grande città e di doverci recare in un posto preciso. Solo che una volta usciti di casa iniziamo a recarci negli angoli più disparati, come se il nostro navigatore fosse impazzito. Arrivati a sera ancora non abbiamo raggiunto la nostra meta che distava pochi minuti di tragitto. Applicando questo esempio al mondo reale viene da sorridere, eppure questo è proprio ciò che accade ad un enorme numero di persone ogni giorno. Non riescono a controllare i loro e-motion.

flowers_-_spring_road1

Di conseguenza questo genera stanchezza e insoddisfazione che vanno ad influire nel vero movimento emozionale, emotion in motion, appunto. Rendiamoci più consapevoli dell’importanza del nostro cammino virtuale. Portare questo a livello consapevole ci aiuterà a trovare la strada giusta per lasciar scorrere in maniera corretta le nostre emozioni.

Jenny

About Jenny Bogiatto

One Comment

  • Stefania Capitanio ha detto:

    Cara jenny, mi piace vedere i “semi” delle parole lanciate durante le lezioni di ISR/ Intregrazione Somkato Respiratoria o durante le sedute di NSA/ Network Spinal Analysis così ben posti a frutto!!!!
    Ti ringrazio per l’attenzione collaborativa e la crescita ed il progresso che fai tu e fai fare agli altri con le tue parole sentite e ragionate, un abbraccio stefania
    PS peccato partiate….snif! snif!

Leave a Reply

Your email address will not be published.