Cosa significa avere una pagina Fan su Facebook? Lo chiedo direttamente a te

Cosa significa avere una fan page su Facebook come personaggio pubblico? Oggi mi sono scoperto a pensare alle implicazioni di questo elemento. Poi mi sono fatto un’altra domanda. Nel momento in cui tu che in qualche modo mi hai conosciuto (nel mondo reale e/o in quello virtuale) ha deciso di esprimere il tuo apprezzamento pubblico cliccando sul bottone mi piace e diventando quindi parte di questa pagina, che messaggio hai voluto trasmettere a se stesso o te stessa, a me e al mondo? E in ultimo quali possono essere le aspettative nel partecipare a questo club, nell’ avere questa appartenenza?

Possiamo insieme inquadrare questo mondo di comunicazione?

DSC03226

Ed io, specificatamente, come posso rispondere a questa aspettativa? Visto che ciò che da sempre mi contraddistingue come missione di vita, come scopo preciso per il quale sento di esistere e ciò quello di realizzare degli obiettivi in cui credo, condividerli con gli altri e trasferire i migliori strumenti affinchè possano essere utilizzati nella vita e nel business di chi segue la formazione e il training che erogo…. che cosa potrei dare di più, che vada oltre le aspettative a te che hai fatto un gesto importante perchè prima di tutto pubblico?

Alcuni esperti di Facebook nel momento in cui abbiamo toccato questo argomento mi hanno detto che do troppa importanza a questo elemento e che in realtà il mondo è talmente frenetico sulla rete che gli utenti cliccano tanto per cliccare e che poi se ne dimenticano per passare ad altro e che in realtà non hanno aspettative particolari.

Non ci credo, non penso che sia così.

Io credo che ogni persona quando fa un’azione sia mossa da un sentimento, da un’emozione che colora il suo gesto e che in cuor suo ha un’aspettativa che avrebbe piacere si realizzasse e che se riferita ad un personaggio pubblico può avere ancora maggiore forza perchè ci consente di identificarci con una persona vera che realizza o ha realizzato qualcosa che ci interessa.

Alcuni dicono che sono un sognatore. Io credo invece che semplicemente riporto nei miei pensieri la realtà delle migliaia di persone che incontro ogni anno. IL trend oggi dice che la pagina fan va curata perchè è illimitata come numero di amici (a differenza del profilo personale) e che quindi risulta essere importante.

Esiste un piccolo però in questo. Nella vita faccio solo ciò che mi emoziona, mi entusiasma e che sento che emoziona le persone che con me condividono uno spazio, un’ avventura, un momento. Sono totalmente disinteressato a strategie che popolano una fan page di nomi e che esistono come funzione dimostrativa della propria notorietà. Cuore e passione prima di tutto.

Creare insieme tutto questo è qualcosa di rara bellezza e voglio credere che anche in un mondo in cui pare che solo la rincorsa alla rincorsa, alla continua produzione ci sia uno spazio per potersi fermare ed esprimere un desiderio, comunicare un’ aspettativa per poterla vedere concretizzata oltre le proprie speranze. Ogni elemento richiede l’azione, la partecipazione e la propria presenza.
Quindi con questo articolo ho deciso di andare a fondo della mia credenza.

Lascio quindi questa domanda a cui se vorrai puoi rispondere scrivendo un commento qui sul blog, sulla pagina fan, sul mio profilo personale oppure inviarmi una email privata su facebook.

La domanda è la seguente.

Cliccando sulla pagina fan di Daniele Bogiatto che cosa vorresti ricevere dall’ appartenenza a questo luogo virtuale? Quali sono le tue aspettative?

Io leggerò una per una le risposte ed in merito a ciò che riceverò prenderò una decisione su come procedere attuando ciò che sento che possa emozionarmi e contestualmente emozionare te.

Questo è il vero potere del web. Sapere che nel momento che digiti sulla testiera stai per creare un effetto sul tuo cammino e quello di altre persone.
A te la tastiera!

Clicca qui per Iscriverti gratuitamente alla videonewsletter di Daniele per ricevere gli strumenti per migliorare business and life style!

DSCN5023

dan bogiatto

About dan bogiatto

Ideatore del metodo Business Family Engine, presidente e co-fondatore del Bogiatto Group, Dan Bogiatto, insieme a sua moglie Jenny, i suoi figli e tutta la famiglia intenzionale, ha votato la sua vita ad aiutare tutte le persone che lo desiderano a sviluppare e implementare l'impresa a controllo famigliare ottenendo un BUSINESS di successo INSIEME a una FAMIGLIA di successo.

5 Comments

  • Sabrina Sbardolini ha detto:

    Ciao Daniele!
    Desidero esprimerti subito ciò penso e farlo adesso qui.
    In effetti all’inizio è stato un pò come dici tu, cioè ti ho conosciuto ho cliccato su Mi Piace e poi non ci ho più pensato.
    Poi ogni tanto leggevo i tuoi articoli e infine abbiamo avuto il secondo incontro.
    Se già nel primo mi avevi affascinato con il tuo modo chiaro esaustivo di esternare i tuoi pensieri, le tue idee, le tue credenze, al successivo incontro è scoccata la scintilla.
    Ora leggo i tuoi articoli, quelli di Jenny, dei ragazzi, mi piace quando torno a casa dal lavoro accendere il PC e vedere cosa avete da insegnarmi, da condividere con me.
    Forse sei un sognatore perchè chi non ha sogni da realizzare non andrà da nessuna parte, ma tu appunto credendo fermamente nei tuoi progetti li porti avanti con passione e li realizzi e credo avere avuto il privilegio di poter conoscere personalmente una persona come sia stata la molla che ha fatto scattare in me un processo che si sta compiendo in maniera lineare, fluida e mi sta portando a vivere la vita con un approccio decisamente postivo e per questo ti ringrazio Daniele.
    Di parole se ne sentono tante, troppe direi; tu fai i fatti!
    Avevo bisogno di credere in qualcuno che sapesse come tirar fuori la mia voglia di fare: eccolo Daniele Bogiatto.
    Ora vado in ufficio, è uno splendido venerdi mattina, il sole splende nel cielo azzurro….Un abbraccio forte a te, Jenny, Raffaello, Leonardo e Beatrice!

  • Lorenzo Di Pietro ha detto:

    Io ho cliccato sul pulsante “Mi piace” della tua fan page per un motivo principale:
    1) perchè ritengo tu sia una persona interessante e che tramite te o la tua azienda io possa crescere e aumenatre il mio business. Questo di primo impatto, poi seguendoti meglio, e dopo averti conosciuto live ho valutato che questa mia scelta è stata azzeccata e che il mio “Mi Piace” si era esteso anche a livello umano e non solo virtuale.
    Mi spiego meglio: io non clicco a caso sul pulsante “Mi piace”, ma valuto attentamente, in quanto non voglio che la mia persona sia associata a tutti in maniera indiscriminata. Quindi, se mi fossi sbagliato su di te ti avrei tolto dalle mie preferenze, come ho fatto in passato con altre persone o gruppi.
    A preto
    Lorenzo

  • Mario Tura De Marco ha detto:

    Io ho avuto la fortuna di ascoltare i tuoi “sogni” a BOW 2010 il 14 maggio 2010. Per un sognatore come me trovare un suo simile che ha il coraggio di manifestare in pubblico quanto di più intimo si possa avere è stato illuminante!

    Il bottone MI PIACE, nel mio caso, è stato premuto due volte, prima nella vita VIRTUALE e poi in quella REALE (se questa non è manifestazione di PANTEA …).

    Il primo MI PIACE l’ho “premuto” subito dopo aver recepito l’importanza dei social media proprio a BOW 2010. Fino al 14 maggio mattina pensavo che Facebook fosse un posto di perdizione per sfigati che non sapevano come altro impegnare il proprio tempo. Sabato 15 maggio avevo già creato tutti i miei account su FB, Twitter, Linkedin, FriendFeed, Youtube, Ping, ecc…

    Essendo stato scollegato dal mondo dei social, non mi è bastato premere quel pulsante virtuale; io, migratore digitale tartaruga, ho bisogno di conferme nel mondo reale, ho bisogno di condividere le passioni, ho bisogno di stringere mani, di abbracciare, di comunicare, di ascoltare, di vedere, di …

    E’ per questo che, come tu sai, partecipando a DBwebgate il 29 maggio 2010, ossia due settimane dopo averti sentito parlare la prima volta, ho “premuto” il secondo MI PIACE. Devo dire che è stato molto meglio del primo!

    Hotel 4*, ambiente soft, bella gente giustamente agghindata per l’occasione ed io, come un povero pellegrino, con jeans e maglietta a te intitolata. Non me ne è fregato niente di come talune persone mi hanno guardato con sufficienza mentre mi sono presentato al banco delle registrazioni. Ho voluto fortemente manifestare in pubblico la mia ammirazione per una persona vera, schietta e, proprio per questo, GRANDE. Ho premuto quel pulsante ed è successo di tutto!

    Probabilmente, taluni premono un po’ troppi MI PIACE e vengono letteralmente invasi da una quantità di comunicazioni che difficilmente riusciranno a recepire.

    Il premere quel pulsante in FB per me sta a significare aprire le porte della mia vita alle persone che mi interessano. E’ come invitare amici a casa per sentire cosa hanno di nuovo da raccontarmi.

    La porta del mio mondo virtuale e quella di casa mia nel mondo reale saranno sempre aperte per te; premere quel pulsante ha significato scegliere. Scegliere di appartenere a pensieri, emozioni, provocazioni, sogni, storie, passioni, visioni, condivisioni. Scegliere, scegliere e ancora scegliere.

    Ed io HO SCELTO.

    Mario

  • […] articolo segue la mia pubblicazione sul significato del portare avanti una pagina Fan e comunque essere un personaggio pubblico con le conseguenti responsabilità ed impegni che si […]

  • […] insieme per un altro commento alla mia domanda nell’ articolo relativo alla Fan page su Facebook. Il primo era relativo al commento di Sabrina Sbardolini, ora passo a Lorenzo che conosco di persona […]

Leave a Reply

Your email address will not be published.