BUSINESS FAMILY ENGINE – L’elemento centrale del successo imprenditoriale e i 3 comandamenti per realizzarlo (lezione 5 di 5) – Terzo comandamento: Concentra la tua luce

Eccoci arrivati all’ ultimo incontro di questo mini-corso sul Business Family Engine. Nella lezione di ieri abbiamo visto come quanto sia importante “diventare un lupo” e conoscere bene quindi le dinamiche dell’ azienda a controllo famigliare. Oggi vediamo il terzo comandamento del Business Family Engine.

Il comandamento “concentra la tua luce”

Il comandamento numero tre è semplicissimo da comprendere ma per mille motivazioni comportamentali, legate all’ istinto di sopravvivenza del gruppo, molto difficile da applicare ma anche da mantenere nel tempo.

Possiamo riassumerlo in:
La difesa e l’attacco sono due elementi fondamentali in un combattimento, in una guerra, in una competizione sportiva o in qualsiasi altro ambito. Ma devi sapere che per vincere prima di tutto devi avere una difesa eccellente altrimenti gli sforzi dell’attacco saranno vani. Come ha sempre detto il buon Trapattoni “prima di tutto non prenderle”.

Esistono quindi due tipologie di imprese a conduzione famigliare. Quelle cha vanno in attacco e quelle che vanno in difesa. Quelle che vanno in attacco cercano di moltiplicarsi su più elementi in contemporanea cercando di acquisire più fette di mercato possibili. Quelle che vanno in difesa si specializzano in qualcosa e diventano sempre più specializzate mano a mano che passa il tempo. Stanno concentrando la loro luce.

Le aziende a conduzione famigliare specializzate fanno si concentrano su di un’unica cosa e tutti insieme la fanno in maniera straordinaria. Tutti verso un’unico obiettivo, un gruppo che in ogni sua parte è capace di raggiungere specializzazioni estreme e ben combinati diventano inarrestabili. Le altre imprese a conduzione famigliare si disperdono e procedono verso il fallimento o verso la cessione del proprio gruppo.
Le aziende a conduzione famigliare che si specializzano vincono contro quelle che generalizzano. Anche perchè le imprese a conduzione famigliare che generalizzano tendono a creare sottogruppi pericolosi che entrano in conflitto con gli altri sottogruppi andando a spezzare e quindi distruggere l’impresa stessa.Ogni sottogruppo diventa un branco (in branco di lupi) e crede di avere la propria luce (che inevitabilmente va in conflitto con le altre).

Il gruppo, l’azienda a conduzione famigliare deve solo superare la paura di perdere una fetta di mercato e deve procedere compatta verso la focalizzione su di una specifica parte del mercato stesso.

Proprio nel tuo comandamento numero tre è importante che ogni componente dell’ impresa a conduzione famigliare e quindi della famiglia stessa (sia che sia di sangue che intenzionale) riceva dalla coppia Alpha la chiara e precisa indicazione in cui tutti i lupi si identifichino. Deve ricevere il fascio di luce su cui correre che ovviamente deve prima di tutto essere chiaro per la coppia Alpha (ricorda, per la coppia e non per il singolo). La comunicazione diventa conseguente perchè tutti saranno pronti a trasferire in ogni momento la promessa dell’ impresa stessa.

E’ quindi ora semplice vedere che le imprese che da impresa a conduzione famigliare si trasformeranno in probabili dinastie famigliari hanno:

● espresso una focalizzazione precisa che le distingue da tutte la altre imprese e quindi le rende oggetto di desiderio da parte del cliente
● tutta l’impresa e quindi tutta la famiglia nelle sue varie forme e reparti lo comunica con convizione, insistenza ma soprattutto con i fatti in ogni momento della sua vita ed in ogni situazione.

Un’ impresa a conduzione famigliare potente la si riconosce non appena ve ne entri in contatto. Esprimi con i fatti la promessa e ripetilo con costanza e determinazione.

Se questo può far pensare che la tua Impresa a conduzione famigliare diventi noiosa e poco appetibile ti sbagli. Anzi, il fascino diventerà proprio quello di essere diversi ed univoci.
Migliaia e migliaia di fatti, di comunicazioni, di advertising, di social media dopo tanti e tanti e tanti anni riescono a far passare la comunicazione e quindi il posizionamento della tua azienda nella testa del cliente.
Ma prima che passi nella testa del cliente deve passare in ogni componente dell’ impresa stessa.

Per aiutarti maggiormente in questo passaggio soprattutto per iniziare bene all’ interno della tua impresa ti do uno strumento aggiuntivo.

Il ICF Blueprint (La matrice dell’ impresa a controllo famigliare) che significa riassumere in’unica frase quello che:
● semplifica
● comunica semplicemente
● ricorda la promessa

Non è lavoro sul brand, sul significato simbolico, sulle evocazioni inconsce.
Si tratta di una frase semplice e diretta che una volta comunicata ed assimilata da tutti e dico tutti i componenti della tua Impresa a conduzione famigliare può essere assimilata e ripetuta ed interiorizzata anche da tuo figlio di 4 anni. (che ricorda fa fortemente parte della tua impresa)

Il ICF Blueprint è fatta da questi passaggi:
(nome della tua impresa a conduzione famigliare) e’ (cosa è) che (qui metti la vostra univocità)
A differenza delle altre imprese che (cosa fanno i loro) la nostra impresa a conduzione famigliare (cosa fate in maniera diversa dagli altri) e tutto questo da ai clienti un enorme (opportunità)

Facciamo l’esempio semplice di una, forse la più importante, dinastia famigliare: FIAT (fabbrica italiana automobili Torino)

La FIAT e’ fabbrica che produce automobili.
 A differenza delle altre fabbriche che costruiscono tante tipologie di automobili noi costruiamo utilitarie dando l’opportunità di comprare automobili a prezzo contenuto per la famiglia. Questo era il motivo conduttore che fece da traino negli anni del grande boom. Ricordi la cinquecento? Esempio perfetto!
Diventa tutto semplice se la impresa a conduzione famigliare è allineata con il suo ICF Blueprint.

Una sorta di vedemecum per tutte le persone che compongono la famiglia sia quella di sangue che intenzionale.

RICAPITOLIAMO
Comandamento numeo tre del Business Family Engine
 “Concentra la tua luce”
Il segreto è farla provenire dalla “coppia Alpha”.
Tutta l’impresa a conduzione famigliare deve avere lo stesso filo conduttore ed esprimere la stessa comunicazione ovunque e dovunque. Questo deve accadere in maniera continuativa, ripetetitiva sino all’ infinito.
La tavola sacra diventa il ICF Blueprint, sempre presente per tutti.
A questo punto quindi come è strutturato il tuo Business Family Engine?
Schema di azione per il Business Family Engine

Ti riassumo qui i tre comandamenti del Business Family Engine:

Comandamento N.1:
 “La scacchiera mentale”
Impara da subito cosa significa veramente famiglia e come essa diventa un’impresa a conduzione famigliare prima di eventualmente diventare una dinastia. La scacchiera mentale ha l’obiettivo di rendere chiara la tua struttura di azione con le persone che hai accanto in modo da poterla applicare nei momenti di pressione.
Ricorda quello che disse l’ Avvocato Agnelli che tutte le aziende nascono da una famiglia, bisogna poi vedere quanto durano.

Comandamento N.2
: “Diventa un lupo”
Impara a riconoscere le dinamiche sociali della tua azienda che hai scoperto essere a conduzione famigliare (indipendentemente dal fatturato che hai, dalle dimensioni che hai raggiunto e da quanti famigliari ti sembrava che lavorassero veramente in azienda)
Stabilisci il comportamento interno e i ruoli e fai in modo che siano chiari per tutti. Tu stesso devi diventare una persona diversa se vuoi ottenere risultati diversi. L’obiettivo è avere la possibilità e l’opportunità di salire al livello sucessivo in cui business e famiglia sono in realtà la stessa cosa e si potenziano producendo grandi risultati.

Comandamento N.3: 
“Concentra la tua luce”
L’ultimo comandamento è il più semplice ma il più difficile da applicare. La coppia Alpha Alpha deve concentrare tutta la sua energia di comunicazione in un unico e chiaro ICF Blueprint e quindi fare in modo che diventi il filo conduttore per tutti. Nel momento in cui diventa viscerale ecco che l’azienda inizia ad emanare un potere decisamente maggiore.

Applica questi tre comandamenti. Vedrai che la tua azienda a conduzione famigliare o il tuo business a conduzione famigliare finalmente non sarà di detrimento alla tua vita e alle persone che ami, anzi. Ovviamente in questo mini-corso ho fatto un riassunto, un concentrato oltre venti anni di esperienza e quindi non mi è stato possibile trattare molti altri argomenti che dovresti conoscere come ad esempio:

– l’organigramma cellulare per avere ogni persona al posto giusto nell’ impresa
– come integrare i figli nella crescita della tua impresa onde evitare di “perderli per strada”
– come evitare di buttare via denaro investendo in comunicazione errata e dispersiva
– le dieci regole da evitare con le quali gli altri fanno fallire l’impresa a conduzione famigliare con una percentuale del 95%
– come fare in modo di virtualizzare la tua impresa al fine di avere la massima mobilità e il massimo benessere per tutti (che si traduce in un notevole incremento di fatturato)

Solo trattare alcuni di questi argomenti richiederebbe un testo specifico. Ho iniziato 23 anni addietro e nonostante i grandi risultati ottenuti ogni giorno scopro nuovi modi per ottenere risultati ancora più grandi per avere il giusto potenziamento ed equilibrio in quello che è il sistema più complesso che noi affrontiamo come sfida nella nostra vita.
Un sistema in cui gli altri devono sacrificare il business per avere una famiglia felice e altri sacrificano la famiglia per avere un business di successo. Tutti e due si pentiranno della scelta fatta.

Proprio per questo
Sul mio blog specializzato in Impresa a conduzione famigliare trovi molti elementi utili, articoli, link e video in modo da poterti aiutare nel tuo cammino, questo per creare quindi la base. Appena disponibile la data ti indicherò la prossima opportunità di partecipare al corso dal vivo “Come costruire una business a conduzione famigliare di successo” che sarà oggetto del prossimo Lab, il 17°, dell’ inizio 2015.

In attesa di questo puoi prenotarti per il tuo test comportamentale “Scopri le tue attitudini nel creare un business a conduzione famigliare di successo” compilando il form. E include anche una sezione avanzata con diversi esempi e regole operative.

Io intanto rispondo ad alcune domande che mi vengono regolarmente posto in merito a questo importantissimo e fondamentale argomento per il business e la vita di ogni persona (due elementi che finalmente smettono di combattere e lavorano insieme per creare una grande impresa)

Se lo desideri puoi lasciare le tue domande nei commenti di questo articolo.

dan bogiatto

About dan bogiatto

Ideatore del metodo Business Family Engine, presidente e co-fondatore del Bogiatto Group, Dan Bogiatto, insieme a sua moglie Jenny, i suoi figli e tutta la famiglia intenzionale, ha votato la sua vita ad aiutare tutte le persone che lo desiderano a sviluppare e implementare l'impresa a controllo famigliare ottenendo un BUSINESS di successo INSIEME a una FAMIGLIA di successo.

4 Comments

  • Viola ha detto:

    La chiarezza della propria missione ed unicita’ permette a tutte le persone che fanno parte dell’azienda di riconoscersi a dare il meglio, concentrando le proprie abilita’ e la propria professionalita’ verso un obiettivo unico e ben definito. Questo e’ un passaggio importante che ci aiuta ad evitare dispersione di energia e anche di denaro ed attenzione.

  • luigi ha detto:

    Grazie Dan per i tuoi articoli. Io ho un’impresa che conduciamo da due generazioni. A controllo famigliare, produciamo tessuti e negli ultimi anni siamo andati sempre decrescendo. Non riesco a far passare che il mondo è cambiato e che anche se abbiamo clienti consolidati è bene muoversi su internet, social media e così via. E’ come se non volessero ascoltarmi. Cosa devo fare?

  • dan bogiatto dan bogiatto ha detto:

    Partiamo Luigi da quello che scrivi. “Ho un’impresa che conduciamo da due generazioni”. Qui dobbiamo prima di tutto comprendere “ho un’impresa” significa che la ownership cioè la proprietà è 100% tua oppure hai la maggioranza di controllo? Questo è un punto importante. Quindi scrivi “conduciamo”. Questo significa che il management è di più persone. Di chi? Quello che scrivi dopo è la conseguenza di queste due domande che ti faccio. Sai perché? Perché alla fine scrivi “è come se non volessero ascoltarmi”. Chi? La prima cosa che devi fare è rispondere alle mie due domande in modo da poterti aiutare.

  • luigi ha detto:

    La nostra impresa è una Srl di cui io oggi possiedo il 20%. No, non ho il controllo. Queste sono quote che mi sono state assegnate da mio padre ad un certo punto della “carriera”. Le altre quote sono di mio padre e di un socio con il quale aveva fondato l’azienda stessa. Mio padre ha la quota di maggioranza e il resto delle quote è del socio stesso. Nel management c’è mio padre e il suo socio e la moglie del socio che occupa un posto importante in azienda. Però non è socia dell’azienda. Ho letto anche il tuo articolo sui tre cerchi e mi sono reso conto di non aver soppesato bene le figure….

Leave a Reply

Your email address will not be published.