BUSINESS FAMILY ENGINE– L’elemento centrale del successo imprenditoriale e i 3 comandamenti per realizzarlo (lezione 1 di 5)

Quale è il punto più importante per avere un grande successo con un business che realizza grandi risultati ottenuto insieme ad una famiglia felice e coesa? Quali sono i 3 comandamenti per riuscire a realizzare quello che per la maggior parte degli imprenditori e liberi professionisti è una mera chimera?

In queste 5 lezioni ti metto a disposizione gratuitamente quello che ho realizzato e riassunto in 24 anni di esperienza, studi e successi nel settore in cui ho dimostrato con i fatti che sia possibile, l’ho insegnato e lo insegno a migliaia e migliaia di persone che ottengono grandi risultati e in cui sono considerato un esperto.

Ti consiglio quindi di leggere:
● La verità che porta ad un grande successo di business (entra nella vera conoscenza in cui stupirti)
● Come oggi questo elemento è o meno presente nel tuo business (veloce test per verificare)
● Gli ingranaggi di questo meccanismo delicato (probabilmente 
nessuno te li ha mai spiegati)
● Cosa puoi subito mettere in campo nel tuo business (una indicazione concreta)

Alla fine di queste 5 lezioni ti propongo quindi una soluzione importante per imparare a creare ed utilizzare questo importantissimo elemento. Ovviamente il mio obiettivo è di darti subito delle informazioni e della formazione utile, già in queste 5 lezioni, al fine di farle diventare immediatamente concrete nel tuo business e nella tua famiglia in contemporanea. In merito a quest’area potremmo passare decine e decine di ore insieme ma qui il mio target non è di comunicarti tutto.

In queste 5 lezioni il mio target è di consegnarti i tre comandamenti con i quali puoi seguire ed applicare subito ciò che apprendi nel tuo business.
L’elemento centrale del successo imprenditoriale.

Sono oltre venti anni che lavoro con diverse tipologie di aziende e di imprese in generale. Da colossi mondiali ,quali ad esempio eBay, alla piccola azienda a conduzione famigliare italiana. Credo di aver visto ed assimilato quasi tutte le tipologie di approccio umanamente possibili.
Ho fatto consulenze ad imprenditori con fatturati ed utili netti da capogiro e con una vita personale e famigliare disastrata come con imprenditori con aziende di modeste dimensioni ma con una vita famigliare straordinaria e ben equlibrata.

Nell’aver lavorato quindi con tantissime tipologie ammetto che preferisco, e quindi scelgo principalmente, di lavorare con imprenditori e professionisti che hanno o desiderano avere una vita in cui business e famiglia (nonchè vita personale) vengono considerati come un unico desiderato elemento di successo. Questo accade semplicemente perchè quando lavori con chi guida l’azienda e conosci bene la sua famiglia hai veramente in mano la possibilità di creare in grande successo insieme al tuo cliente. E’ proprio nella famiglia che trovi le reali caratteristiche dell’impresa anche se in alcune aziende gli altri componenti della famiglia non li incontri immediatamente.

Quando l’azienda è a controllo famigliare e la famiglia stessa è una famiglia coesa e felice e preparata si traduce, per mia esperienza, in aziende di grande successo ma soprattutto, punto importante, durature negli anni.

“Le aziende nascono con le famiglie. Tutte. Si tratta poi di vedere quanto durano”. (avv. Gianni Agnelli)

E poichè il mio lavoro come trainer e consulente consiste nel far vedere la realtà, far emergere i talenti ed aiutare a coordinare e gestire una struttura tramite una corretta comunicazione la mia massima felicità è vedere imprese a controllo famigliare che ottengono risultati omnicomprensivi senza la classica divisione vita e lavoro.

Perchè ti ho voluto spiegare questo? Perché nonostante le differenze di ogni azienda ed impresa sia che la abbia rappresentata, vi abbia lavorato all’interno come consulente o la nostra impresa sia stata fornitrice di servizi il problema o il punto fondamentale su cui l’impresa costruisce il suo successo o determina il suo fallimento (se non ben compreso) è sempre lo stesso.

Affermo quindi con sicurezza la parola “fondamentale” ma non unico perchè ovviamente ci sono altri elementi accessori che possono contribuire al successo o al fallimento come il marketing, il commerciale, il prodotto, il mercato, il capitale investito, il personale tanto per fare alcuni esempi come nella costruzione della famiglia la comunicazione di coppia, la gestione dei figli e molto altro ancora.

E’ il momento del test Business Family Engine!

Immagina che il tuo business, la tua impresa o la tua azienda siano un grande albero. Tutti gli elementi di cui ho parlato corrispondono alle foglie, ai rami, agli arbusti più grandi, alla corteccia, ai frutti, ai fiori del tuo albero. Sono tutti elementi importanti? Certamente, senza di essi il tuo grande albero non esisterebbe. Ma cosa non ti ho citato? Mancano le radici che, affondando nel terreno, trasmettono gli elementi vitali a tutta la struttura. Ed attenzione, manca il riferimento al terreno. Il terreno sei tu con la tua personalità e il tuo comportamento. Ricorda che “l’impresa è lo specchio di quello che sei” (questa è una mia citazione) e che “raggiungere fatturati più alti vuol dire diventare persone diverse” (questa citazione me la ha detta Donald Trump a Los Angeles). Senza radici il tuo albero non ha nessuna possibilità di stare eretto, non ha nessuna possibilità di nutrire tutto il sistema e trasferire ciò che risiede nel terreno. Non solo il tuo albero morirà ma presto morirari anche tu alimentandoti di frutti marci e velenosi mentre tutto il lavoro che hai fatto per coltivarlo risulterà vano.

Quali sono le radici del tuo business?
Sono un elemento che molto probabilmente non hai considerato o forse in un certo momento della tua vita è balenato davanti ai tuoi occhi ma tu non lo hai considerato completamente forse credendo che non andasse bene per te. Verifichiamo se è così o meno insieme.

Ti chiedo semplicemente di rispondere a questo veloce test:

● Credi che marito e moglie (compagna e compagna) facciano bene a lavorare ognuno per conto suo?
● La tua azienda è il luogo in cui lavori e la tua famiglia è il luogo in cui vivi?
● Costruisci e stai costruendo incessantemente un benessere economico che ti consenta di dare alla tua famiglia quello che desidera?
● Cerchi di ricavare del tempo libero, dei periodi di “vacanza” per poter stare con la tua famiglia e i tuoi figli?
● Credi che sia importante tenere separato il lavoro, la tua azienda, la tua impresa dalla tua famiglia?
● Credi che sia importante che i tuoi figli studino e facciano la loro strada per poter poi un giorno continuare e portare avanti l’impresa che hai creato?

Se hai risposto “sì” alla maggior parte o a tutte le domande te lo posso comunicare con estrema certezza: il tuo business non ha radici oppure ha radici molto, molto fragili.

Le fondamenta di un business italiano (ricorda che questo aggettivo “italiano” fa una differenza colossale) vero e potente è la famiglia in tutte le sue forme, o, meglio ancora il suo posizionamento di business controllato direttamente dalla famiglia. E visto come hai risposto alle domande sopra è chiaro che non hai un “Business Family Engine” o se lo hai è molto, molto debole.

Se dovessi ancora avere dei dubbi su quello che hai letto ecco alcuni effetti del non aver prestato attenzione alle radici e quindi al “Business Family Engine”

● quando dai la tua massima attenzione al business, alla tua impresa stai male perchè la tua famiglia va a rotoli
● quando dai la tua massima attenzione alla tua famiglia stai comunque male perchè il business va a rotoli.
● le discussioni che hai in famiglia del fatto che sei sempre con la testa sul “lavoro” ti innervosiscono perchè tu “stai mantenendo lo stile di vita della famiglia”
● sembra che tua moglie o tuo marito non capiscano quanto sono importanti le riunioni extra orario. E si allontanano sempre di più da te.
● se hai dei figli li stai vedendo raramente nella loro crescita e questo ti fa sentire male
● il tuo business, la tua impresa soffre della tua energia altalenanente e alterna quindi momenti di crescita a momenti di decrescita in maniera apparentemente casuale.
● se stai producendo un benessere materiale importante giustichi tutto questo grazie all’ acquisto di beni materali che regali ai tuoi figli e a tua moglie o marito.
● se in questo momento il tuo business e la tua impresa è in difficoltà giustifichi questo dicendoti che in fondo il vero valore che ti è sempre interessato è la famiglia

Esiste ancora un punto, naturale epilogo di questa mancanza di lavoro. Un fondo che mi auguro tu non stia vivendo in questo momento. L’epilogo semifinale è un business di successo mentre tu e tua moglie o marito vi siste divisi, i figli sono in co-gestione e tu sei solo/a. Il finale è che anche il business, la tua impresa od azienda avrà il suo contraccolpo finale tu ti troverai solo/a e senza nulla in tasca.

Niente di quello che stai facendo è più importante del Business Family Engine perchè le radici affondano nel terreno (quello che sei e il tuo comportamento) e se le radici sono deboli o malate i frutti che andrai a produrre saranno “malati”. E’ quindi molto, molto pericoloso per un’impresa, per un’azienda, non avere un Business Family Engine anche se la maggior parte di esse non ne conosce nemmeno l’esistenza.

Per la maggior parte delle piccole e medie aziende il concetto di famiglia è infatti molto, molto vago. E’ visto come qualcosa per le grandi aziende, le grandi dinastie italiane quali ad esempio la Fiat, la Mondadori o Berlusconi. Oppure ha il concetto di azienda a conduzione famigliare. Una piccola impresa artigianale in cui marito e moglie fanno tutto quello che riescono a fare. E’ così radicato questo concetto e questo tipo di approccio culturale da non contenere altro nella testa dell’ imprenditoria italiana. Questo ragionamento è profondamente sbagliato (andava bene 40 anni addietro) e pericoloso ed è proprio quello con il quale stai danneggiando o forse distruggendo la tua impresa e il tuo business.

Oggi abbiamo lavorato molto su questi aspetti e quindi il prossimo argomento lo vediamo e te lo spiego nella prossima lezione.

In attesa del prossimo incontro se vuoi lasciare delle domande nei commenti di questo blog sai che io ti risponderò con molto piacere.

dan bogiatto

About dan bogiatto

Ideatore del metodo Business Family Engine, presidente e co-fondatore del Bogiatto Group, Dan Bogiatto, insieme a sua moglie Jenny, i suoi figli e tutta la famiglia intenzionale, ha votato la sua vita ad aiutare tutte le persone che lo desiderano a sviluppare e implementare l'impresa a controllo famigliare ottenendo un BUSINESS di successo INSIEME a una FAMIGLIA di successo.

18 Comments

  • Viola ha detto:

    La mia credenza, fino a qualche anno fa, era che in ogni famiglia fosse bene che marito e moglie avessero occupazioni differenti e che evitassero di avere una relazion e professionale. Nel mio mondo questo avrebbe tutelato la coppia dall’amplificare eventuali discussioni, liti o questioni da risolvere.
    In effetti per un periodo ho scelto di condurre in quel modo la mia esistenza ottenendo risultati che ai tempi mi parevano nella norma ed oggi vedo come assolutamente insoddisfacenti.
    Quando ho smesso di separare famiglia e business, quando e’stato cosi’ chiaro per me che la suddivisione fosse assurda e contribuisse ad una visione frammentaria della mia realta’, tutto cio’ in cui credevo e’crollato ed ho compreso la mia ignoranza prima di tutto. Immaginando di tutelare le mie relazioni famigliari, facevo di tutto per distruggerle occupandomi della mia attivita’mentre le persone che amo si occupavano di altro, magari a distanza.
    Iniziare una nuova attivita’ insieme alla mia famiglia intenzionale in un primo momento, mi ha permesso di conoscere una realta’ per me inimmaginabile nella quale il successo professionale e la gioia familiare vanno di pari passo. Oggi la mia vita di coppia e’ felice e ricca di grandi successi proprio perche’ ho scelto di lasciare andare le vecchie credenze e di applicare quanto Dan Bogiatto sta spiegando in questo minicorso.
    Da quel momento conduco la mia vita in modo univoco comprendendo famiglia e business ed evitando sensi di colpa o rischi di fallimento dell’uno o dell’altro aspetto.

  • Federica ha detto:

    Grazie Dan per l’opportunità di portare nuovamente attenzione a questo tema che mi è caro. Io e Stefano viviamo entrambe le condizioni: alcune delle nostre attività ci vedono felicemente fianco a fianco, altre invece si svolgono su fronti diversi. Avendo modo, quotidianamente, di sperimentare l’una e l’altra opzione il mio desiderio si muove verso l’integrazione. Il nostro punto di partenza, a mio parere, è molto buono: abbiamo tutti e due la possibilità di modulare le nostre attività e di gestirle nel tempo in modo da tener conto delle esigenze della famiglia e di essere vicini. In generale io sento molto forte la presenza e il sostegno di Stefano anche nelle attività che porto avanti per conto mio (principalmente l’attività artistica). Mi rendo invece conto del fatto che ancora non siamo riusciti a trovare un modo per cui io porti presenza e sostegno nell’attività principale di Stefano, che è quella che lo rende professionalmente più felice e sento che nel momento in cui troveremo il modo di essere insieme anche su questo fronte il salto di qualità sarà di grande livello. Sono certa che queste lezioni ci saranno d’aiuto.

  • Claudio ha detto:

    Condivido pienamente che famiglia e business siano complementi di un tutto. Io conosco da quasi 2 anni personalmente Dan & Jenny, un esempio straordinario di famiglia unita anche nell’impresa. Metto in pratica il connubio famiglia/lavoro (quando per famiglia intendo scegliere di stare con persone con un’etica di crescita condivisa) da un tempo costante: la prima cosa che noto alla luce di questo è la crescita esponenziale che metto in campo nell’affrontare passaggi verso un risultato e la comprensione di esso. Condividere un’etica sana che convoglia in un’attività di formazione a 360° e al contempo vivere in un luogo scelto, magari lo stesso tetto, con persone con cui ho scelto di stare, aiuta rapidamente l’allineamento delle energie, favorendo di gran lunga il concretizzarsi di un’intenzione potente. Grazie grazie Dan & Jenny ^_^

  • Sophia ha detto:

    Quale è il punto più importante per avere un grande successo con un business che realizza grandi risultati ottenuto insieme ad una famiglia felice e coesa?

    Riprendo con Gioia la domanda di Dan in questo articolo e con piacere condivido uno degli aspetti che sentiamo chiave nel nostro Successo nella nostra Coppia.

    Lavoro con mio marito da 10 anni , siamo focalizzati nella realizzazione del nostro grande Sogno di Vita. In questi 10 anni abbiamo vissuto, condiviso ed affrontato una gran parte di dinamiche che si vivono sia all’ interno di una coppia quando si lavora insieme e sia quando quell’ insieme diventa ancora piu’ grande in una famiglia intenzionale che lavora insieme, esattamente come elenca Dan sopra.

    Una delle cose che riteniamo siano utili per fare un passo in avanti in queste due aree, ” Business e Famiglia ” , è avere chiara la distinzione tra i Valori Mezzo ed i Valori Fine.
    I nostri Valori sono per noi la bussola interna che seguiamo giorno per giorno e di cui molto spesso vediamo completamente assente nella vita di molte aziende familiari.
    Vivere seguendo i propri valori significa per noi Agire Coerentemente con quello che secondo noi è il senso della vita, cosa è importante per provare una maggiore soddisfazione in quello che facciamo e di conseguenza una maggior sicurezza e sensazione di pace interiore.
    Il Business per noi dunque è un valore mezzo che ci consente di raggiungere i nostri Obiettivi. La Famiglia per noi è un valore mezzo che ci permette di vivere il valore dell’ amore, della condivisione, della libertà, del rispetto ecc.
    Il lavoro e la famiglia più che dei valori sono per noi dei mezzi per ottenere gli stati emozionali che vogliamo sperimentare, il fine.

    Ho nel cuore un frase di Dan che trovo illuminante ogni volta, ” l’impresa è lo specchio di quello che sei” , prendere consapevolezza degli automatismi che a volte ci costruiamo per raggiungere e provare certi stati emotivi per noi importanti, credo sia Fondamentale.

    sophia

  • Lorella ha detto:

    Dalla mia esperienza personale lavorare con mio marito vuol dire ogni giorno rendersi sempre più complici di una vita di successi costruiti insieme mattone dopo mattone.
    Entusiasmarsi per gli stessi traguardi raggiunti, spalleggiarsi, ridere e insieme gestire i cambiamenti, ci hanno resi ancora più uniti ed innamorati. Tutto questo però ha richiesto e richiede continuo apprendimento e formazione!

  • Roberta ha detto:

    Nella vita mi sono creata l’opportunità di sperimentare un po’ tutto…. Vita di coppia pendolare e vita a molti kiko metri di distanza, seguito da un altro rapporto con convivenza immediata e ugualmente professioni diverse che ci facevano incontrare poche ore al giorno e poi convivenza e vita professionale condivisa e giornate vissute fianco a fianco. Trovo significato già il fatto di aver fatto queste esperienze con persone diverse, a conferma di quanto scrivi… E se guardo ai risultati??? Strano che siano profondamente diversi?? Evidentemente no 🙂

  • Chiara ha detto:

    Articoli e lezioni che seguirò con molto interesse! Da sempre ho il desiderio di svolgere attività professionali con le persone che amo, probabilmente anche per l’esempio dei miei genitori che lavorano insieme da molti anni felicemente. Credo che questo porti enorme beneficio alla coppia e alla famiglia, in quanto si dedica molto tempo all’attività professionale, e quando si svolge con passione si impiegano anche molte forze ed energie! Condividere con la propria famiglia o il/la proprio/a compagno/a questa passione, il tempo, i risultati raggiunti o a volte anche qualche “capitombolo”, rende la coppia ancora più viva e più forte, condividendo una parte importante della propria vita! Però, leggendo quest’articolo mi sono resa conto che nella mia testa, quando penso a una famiglia che lavora insieme, ho in mente proprio gli stereotipi citati: o la piccola azienda a conduzione familiare in cui chi ne fa parte corre per svolgere tutte le attività, o le grandi e storiche aziende italiane. Sono per cui molto curiosa di leggere i prossimi articoli e aprire così la mente sulle possibilità che questo periodo storico ci offre!

  • Andrea ha detto:

    Grazie Dan per portarci a riflettere con questo mini corso sul connubio Business/Famiglia. Nell’approcciarmi a questo tema in passato anche io pensavo a come poter conciliare queste realtà e farne una sola; in testa mi giravano quelle frasi che hai scritto come effetti del mancato sviluppo delle radici. Ora con l’attività che stiamo svolgendo, ogni giorno business e famiglia si fondono, non facendo altro che accrescerci come coppia, grazie alla vicinanza, alle continue attenzioni, agli scambi di idee e suggerimenti. A volte abbiamo sentito qualcuno dire che come marito e moglie è meglio non lavorare insieme, forse perchè non mettono la famiglia al primo posto, penso io 🙂
    Sono curioso di leggere i prossimi articoli per approfondire questo argomento e imparare nuovi metodi e strategie per crescere sempre più!

  • Silvia ha detto:

    Nel leggere l’articolo di Dan ho praticamente ripercorso la strada che ha portato me e mio marito a prendere la decisione di cambiare rotta ( grazie all’incontro con Dan quel famoso 15 ottobre del 2010) e costruire un’esistenza veramente felice dove abbondanza significa concretamente la felicità di coppia e di famiglia e la realizzazione di un business solido. L’errore iniziale è stato proprio basare le nostre scelte su vecchie e false credenze: è bene lavorare separati per preservare la coppia ( ricordo frasi del tipo: dopo tutto il giorno passato insieme non hai più niente di cui parlare, oppure sul lavoro è facile avere discussioni magari per visioni diverse che vanno ad intaccare il rapporto sentimentale) , meglio diversificare le entrate in modo che se un business va male c’è l’altro….Questi erano i fondamentali da cui tutto è disceso: abbiamo scelto di fare due libere professioni diverse, io poi ho addirittura aperto una seconda attività corollario della prima. Risultato? Grande abbondanza economica ed una casa vuota: chi aveva tempo per godersi tutta quella abbondanza economica, insieme poi era un’utopia! Il primo che si fermava avrebbe inceppato quel meccanismo di cui ormai eravamo schiavi. E’ ascoltando il nostro amore che abbiamo iniziato a consapevolizzare che non era quella la vita che volevamo costruire…mancava un pezzo, il più importante . L’incontro con Dan è stato provvidenziale , è chiaro che eravamo pronti e allo stesso modo è stato chiarissimo che quelle stesse credenze su cui avevamo fondato tutto avevano prodotto esattamente il contrario della loro stessa premessa: il successo professionale diversificato non stava preservando il nostro rapporto ( anzi se avessimo continuato probabilmente ognuno si sarebbe creato la propria vita con le persone con cui passava 20 ore la giorno che a questo punto diventano anche clienti/amici…e gli happy hour finita l’attività per fare marketing e acquisire nuovi clienti?) e la previsione che l’uno avrebbe potuto sopperire all’altro se fosse andato male era un forse talmente lontano che sembrava una paura costruita apposta per dividere…..La gioia di condividere un’unico scopo, una unica missione, un unico traguardo diventa Vita perché il Sogno è unico ed è composto fondamentalmente dall’Amore per la persona con cui scegli di crescere e costruire una famiglia e tutte le persone della famiglia intenzionale e per il business che insieme si crea ogni giorno. E’ con questa passione e questa unione che abbiamo raggiunto tutti gli obiettivi che ci siamo prefissati in questi anni e quelli che siamo consapevoli raggiungeremo nei prossimi. Amore, determinazione, studio, applicazione così abbiamo piantato le nostre nuove e solide radici:-)

  • Chrys ha detto:

    Leggendo questo articolo ho ripercorso al contrario tutto quello che ho fatto in questi anni , sia per obiettivi personali che per la mia famiglia e mi sono accorto che l’elemento principale e mancante di ogni mio business era il supporto, nel mio caso di coppia in quello che stavo facendo. Morale della storia tutto è andato esattamente come ha descritto Dan in quest’articolo.

  • […] qua con la seconda lezione del mini-corso sul Business Family Engine. Nella prima lezione abbiamo visto come le radici di un’impresa siano nel Business Family Engine e di come senza di […]

  • […] Se vuoi veramente costruire o migliorare la tua impresa e fatturate cifre importanti realizzando una famiglia felice al contempo bilanciandola con una vita straordinaria allora crea i tuoi tre cerchi prima di tutto. Quindi cerca i consiglieri segreti. se sei tu il fondatore o il leader dell’ azienda e’ bene che lo guardi da un punto di vista più’ reale possibile e che ti rendi conto che non ci sarà nessun corso e formazione di marketing, di vendita, di management che potrà’ esserti utile sul serio se non metti a posto questi elementi. La coperta troppo corta ti sta gia’ cercando. Quando hai fatto i tre cerchi e la tua analisi passa a studiare il mini corso che ho redatto “Business Family – l’elemento centrale del successo imprenditoriale” […]

  • […] il signficato della definizione “imprenditore famigliare” e per questo puoi studiare il mini-corso di cinque lezioni gratuito che ho scritto proprio su questo blog. Quindi bisogna comprendere il significato della parola […]

  • Franco ha detto:

    Parole Sante.
    Molto interessante è il passaggio che fa comprendere come i modelli di impresa che più comunemente ci vengono in mente in Italia (Fiat,Mondadori, Berlusconi) appartengono ad un’area di distorsione del modo di essere imprenditori. In effetti in questi anni di difficoltà è assolutamente necessario condividere il business con le persone che fanno parte della nostra famiglia. Questa è una vera rivoluzione culturale ed economica.
    Grazie.

  • dan bogiatto dan bogiatto ha detto:

    Ciao Franco,sono in accordo con te che da anni è partita una rivoluzione nell’ ambito business molto più profonda di quanto possa sembrare. Quello che ti chiedo invece è come mai indichi come area di distorsione le tre aziende citate che sono proprio aziende a controllo famigliare. Mi spieghi meglio il tuo punto di vista?

  • […] un’impresa di grande successo insieme ad una famiglia felice puoi leggere e studiare il mini-corso gratuito “Business Family Engine” di cinque lezioni che ho creato […]

  • Franco ha detto:

    Certo Dan, molto volentieri: è un dato comune che la maggior parte delle persone pensa che lavorare con i propri familiari non permette l’espansione di un business e che l’impresa familiare sia quella dove i componenti fanno quello che possono, questo concetto è così tanto radicato che la percezione dei modelli citati spesso è considerata come un’area di “distorsione” mentre rappresenta il vero modello di impresa a controllo familiare. L’indicatore è il passaggio generazionale: quelle imprese sono sopravvissute, o stanno sopravvivendo, al passaggio alla seconda generazione.

  • dan bogiatto dan bogiatto ha detto:

    Ecco, tutto ok! Da quello che io avevo compreso dal tuo primo post è che i nomi citati fossero una distorsione. Invece sono proprio l’esempio di aziende di grande successo a controllo famigliare. Per quanto riguarda il passaggio generazionale il dato è molto interessante. Le statistiche indicano che la prima generazione crea, la seconda gestisce e la terza distrugge. Stiamo raccogliendo i dati di diverse ricerche di enti ed universitarie che rendono anche in numeri quando ho detto sopra. E’ anche interessante notare che al mondo le imprese famigliari sono anni luce avanti alle imprese non famigliari anche e soprattutto a grandi livelli.

Leave a Reply

Your email address will not be published.