Bob Proctor, Sei Nato Ricco. L’evento di Milano Marittima, come è andato?

60254_10150276135295302_648840301_14824327_3058435_n

Jenny ed io con i ragazzi stiamo percorrendo la statale come indica il navigatore. Squilla il telefono, è Max. Tutto il team del Bogiatto Group è già presente, quasi al completo. Scorgo i cartelloni dell’ evento e con una piccola manovra entriamo nel parcheggio riservato. Questo è il primo momento live da quando siamo tornati dagli Usa in cui incontriamo partner, clienti, amici, corsisti. Tanti stimoli, tante emozioni ed anche qualche nuova conoscenza. La prima è l’incontro con Marco Columbro che avevo già contattato tempo addietro per il discorso di Technobia. Quanti abbracci e quante domande sulla nostra avventura a stelle e strisce. Incontro anche Alvise Fedrigo, che non vedevo da prima dell’ estate, a cui faccio i complimenti per la perfetta organizzazione. E’ il momento di prendere posto mentre un video emozionante apre le danze e il palco per Bob Proctor. Mi ricordo la prima volta in cui entrai in contatto con “The Secret”. Fu una scoperta di Jenny e acquistammo una delle ultime copie dell’ allora esaurito dvd. Sono passati quasi tre anni.

60328_10150276135715302_648840301_14824343_7268147_n

Bob è perfettamente identico alla presenza scenografica del filmato, potenza del marketing americano. Nonostante l’ età è energico e molto presente come energia fisica. Tutto ben strutturato, fluente e discorsivo. Nessuna esercitazione (stile Brian Tracy) e via di appunti. Interessante, alcuni spunti sono molto importanti. Penso che per le persone che partecipavano a questo corso come un primo momento di formazione sia stato molto illuminante.Per chi invece è già avvezzo o preparato a tale mondo molti elementi sono conosciuti e parte di una struttura base di tali percorsi ma è sempre importante e accrescitivo risentirli disposti in maniera differente.

59195_10150276135560302_648840301_14824335_3009778_n

Tutto scorre quindi benissimo, con una pausa intermedia, sino alla pausa pranzo. Prima di riprendere Charlie ed io ci rechiamo al banco di Macrolibrarsi per autografare il libro fresco di uscita “Web Monster & Conversational Marketing” che appena sfornato va via come il pane! Si rientra e Bob ripredende il lavoro di formazione. Anche qui tutto bene sino alle 15,30. Quindi accade qualcosa di strano, la stessa cosa che è accaduta con Gitomer all’ ultimo evento del Club Mondiale della formazione. Bob apre una sessione domande che immediatamente prende una brutta piega. Tante domande molto personali, richieste di interventi e persone che ne approfittano per parlare delle loro storie senza fare nessun domanda. Bob Proctor non gestisce bene il tutto e perde contatto con la sala, le persone iniziano ad uscire in anticipo. Io stesso mi alzo ed esco anticipatamente alla pausa. Siamo di nuovo al banchetto libri e sento alcuni commenti che mi confermano che la sessione domande e risposte ha avuto un effetto negativo. Si rientra e riprende allo stesso modo andando quindi in chiusura in discesa sino alla coda che si snoda per poter avere l’autografo da chi ha acquistato il libro. La fine del seminario è ricca di contatti, di discussioni, di proposte, di nuove conoscenze, di incontri con i nostri amici.

62730_10150276137575302_648840301_14824420_1703700_n

Molto bello. Per il corso ritengo tutto ok sino alla sessione domande e risposte, quindi abbastanza buio nella parte finale. L’organizzazione dell’ evento è quasi perfetta e Macroeventi ha fatto un ottimo lavoro. Valeva la pena di essere presenti? Sicuramente sì, molti spunti e riflessioni interessanti. Si può migliorare? Sì, chiedendo in anticipo ai formatori americani di contenere le quasi inutili (se così strutturate) sessioni di domande e risposte oppure di confezionarle in maniera professionale. Rimane un solo dubbio. E se Proctor in realtà abbia perso contatto con la sala e si sia rifugiato nelle domande? Potrebbe essere visto che i formatori americani di norma non sono molto preparati agli imprevisti. Pro e contro di una cultura procedurale.

dan bogiatto

About dan bogiatto

Ideatore del metodo Business Family Engine, presidente e co-fondatore del Bogiatto Group, Dan Bogiatto, insieme a sua moglie Jenny, i suoi figli e tutta la famiglia intenzionale, ha votato la sua vita ad aiutare tutte le persone che lo desiderano a sviluppare e implementare l'impresa a controllo famigliare ottenendo un BUSINESS di successo INSIEME a una FAMIGLIA di successo.

3 Comments

  • Lorenzo Di Pietro ha detto:

    Dopo aver letto The Secret, The Key e La Chiave della legge dell’attrazione, devo dire che Bob Proctor mi ha impressionato positivamente. Le sue teorie saranno molto utili per la mia vita, professionale e non.
    L’approcio positivo, creativo e fantasioso a questo punto è d’obbligo.
    Il semimnario è stato organizzato abbastanza bene. Piccole cose da migliorare nella fase del pranzo e nelle gestione delle domande, effettivamente molte persone non sanno cogliere questo momento.

  • Confermo in pieno l’esposizione dei fatti di Daniele.
    L’energia di Bob è notevole se si pensa anche all’età ma, purtroppo, la sessione delle domande ha caratterizzato negativamente la fine della giornata che, anzi, avrebbe dovuto essere chiusa portando la platea al picco (ovviamente se si vuole continuare a vendere corsi, libri, DVD, ecc…). Dovrebbe essere come un film ed avere una trama studiata a tavolino. Forse lo sceneggiatore ed il regista si sono ammalati e non hanno avuto modo di essere presenti 😉
    Di certo ho colto alcuni spunti interessanti che adopererò per rifinire i prossimi corsi che terrò a breve.

  • Il libro “Sei nato ricco” mi era stato regalato da un mio amico, qualche hanno fa. Avevo bisogno di sistemare la mia vita finanziaria e questo libro mi ha aiutato molto.

    Non biosgna solo leggere questo libro, bisogna applicare le sue regole, altrimenti solo un altro “bel libro”.

    Quello che dice Bob Protor sembra all’inizio non credibile, ma il metodo funziona e funziona benissimo.

    Ho guadagnato molto fiducia in me stessa e raggiungto i miei obiettivi grazie ai consigli che ascoltavo nella mia macchina mentre andavo al lavoro.

    Io consiglierei i suoi libri a tutti quelli che vogliono migliorare la propria vita.

Leave a Reply

Your email address will not be published.