Jenny Space. Qui in Florida sono le 7 del mattino, Daniele e i bambini dormono ancora e anche fuori il silenzio è irreale per chi come me, da troppi anni è abituata al rumoroso risveglio cittadino. Non riesco a dormire da diversi minuti perchè mi sono svegliata con una frase in testa.

Mi capita spesso di notte o di primo mattino di svegliarmi con una idea o una domanda fissa, che mi lampeggia in mente come un neon in piena notte.

images

La nostra libertà finisce dove inizia quella degli altri? Ci sono dei confini veri e proprio o man mano si fondono fino a creare un nuovo territorio? E quando uno nuovo spazio di libertà nasce a sua volta vive lo stesso processo con tutto cio’ che lo circonda? Un toccarsi e inglobarsi continuo con una dinamica simile a quella delle cellule che si inglobano?

play-pac-man-sofa-2

Se una persona che fa parte di una coppia, questa coppia di una famiglia che a sua volta si integra in un  microgruppo, questo gruppo man mano tocca e si fonda con  gruppi piu’ grandi fino a diventare parte del mondo intero, quanti sono i gradi di libertà del singolo individuo? Manca l’aria al solo pensiero.

725c51d2-d5ed-41ee-bbae-960c2cf9357f

Come far coincidere allora i nostri desideri e il nostro modo di essere con le persone che ci circondano senza che questo possa ledere gli altri?

Se cio’ che sono o desidero fare va continuamente in contrasto all’insieme in cui sono forse io non faccio piu’ parte di quell’insieme? Se il mio colore non e’ piu’ uguale , spicco tra gli altri, che siano 2 o due milioni, in modo tale da non farne piu’ parte?

diversita2

Anche il mondo degli animali è pieno di questi esempi, a partire dal brutto anattroccolo fino al classico famigliare della pecora nera.

C’è una  pecora  che si chiama Bernie che vive felice nel suo bianco gruppo, man mano che passa il tempo, a Bernie inizia  non piacere piu’ l’erba che mangia da tutta la vita e che ancora appassiona tutte le sue compagne.

639074287

Cosi’ Bernie inizia ad allontanarsi un pochino, scopre una vita fuori dal pascolo, scopre ruscelli, case, fiori e tanti altri animali. Ogni giorno Bernie si allontana dal suo gruppo e pascola vicino ad una miniera di carbone. Ogni giorno il pelo di Bernie inizia ad essere di colore diverso e man mano che il suo colore cambia, Bernie non si sente piu’ cosi’ bene con quelle altre pecore che prima immaginava fossero l’unico mondo esistente. Allo stesso modo le altre pecore guardano Bernie con sospetto

pecore1

e anche loro, a loro volta, si fanno ogni giorno un pochino piu’ in la’..il suo colore cambia  e da bianca diventa nera. Bernie allora se ne va, e si addentra nel bosco in cerca di pascoli lontani, finchè con gioia scopre un gruppo di pecore che brucano al di la’ del bosco. Sono tutte nere come lei! Bernie felice ed eccitata corre verso il gregge e si integra felice brucando gioiosa come non le capitava da tempo. Le altre pecore la riconoscono come simili e sono felici di averla tra loro. Il tempo passa felice tra dormite e brucate. E’ una bella giornata di sole e di primo mattino il gregge si allontana per andare in un pascolo lontano. Fa caldo e  senza indugio si preparano ad attraversare un innocuo fiumicello che scorre li vicino. Bernie lo attraversa felice, sollevata dalla frescura dell’acqua che le lambisce la pelle. Quando esce dall’acqua si scrolla gioiosa le ultime gocce e scopre sguardi ostili da parte di quegli stessi animali che fino a pochi minuti prima la guardavano con affetto. Bernie grazie all’acqua è tornata bianca e le sue compagne non la riconoscono piu’.  Bernie non capisce, eppure è sempre la stessa pecora di prima.

FarmVille-black-sheep

Perchè di colpo le altre non la vogliono e lei si sente fuori posto?Perchè le altre non la riconoscono piu’ e lei non si sente piu’ parte del gruppo. Bernie è di nuovo diversa. Quante volte Bernie dovrà ancora mimetizzarsi prima di capire che non è il colore del suo pelo a darle valore?

Sono certa che se chiedessi ad alzata di mano quante persone non si sono mai sentite dire : Non ti riconosco piu’,poche pochissime mani si alzerebbero, piu’ facilmente nessuna.

Nei miei bizzarri percorsi mentali sono partita dalla libertà personale, ho creato la pecora Bernie e sono arrivata all’individualità.

individuality

Questa volta trovo un bel filo di connessione tra l’inizio e la fine dei miei pensieri. Libertà personale e Indivividualità.

4069248

Un percorso senza inizio e senza fine, una strada da tracciare con l’inchiostro della nostra Essenza.

Jenny

About Jenny Bogiatto

3 Comments

  • giovanni ha detto:

    stupendo bellissimo l’articolo

  • E che cavolo Jenny! Meno male che hai iniziato nuovamente a scrivere cose bellissime ed illuminanti cosicché io ne possa prendere stupendi spunti di riflessione e crescita.
    Il tema che poni mette in crisi non poco e necessita maggior approfondimento da parte mia. Mi verrebbe da dire la mia ma sarebbe solo per scrivere qualche cosa ed apparire ad ogni costo.
    Magari te lo racconterò a quattr’occhi (anzi 6 visto che già io ne ho 4). Un abbraccio caloroso a tutto il mitico gruppo e alla tua splendida famiglia:-)
    Mario

  • francesca gobetti ha detto:

    Cara Jenny, forse la dolcissima Bernie se ne sta andando ancora attorno, col suo pelo bianco, nero, a strisce o a stelline e si sta chiedendo: Chi sono io?
    Sono “gli altri” che glielo debbono dire?
    Certo che no.
    Quello che Bernie coglie è però una costante sensazione di estraneità, che è sofferenza, dopo il trascorrere dell’inesorabile, inesistente entità che è il Tempo.
    L’Anima non ha colore ne’ forma e fatica a specchiarsi e ritrovarsi confini bianchi o neri.
    Penso che a Bernie si attagli un’emozione soltanto: non farsi più domande e godere e essere grata dell’erba tenera da brucare, del cielo, degli spazi aperti o della calda stalla dall’odore di fieno.
    Grazie per la storia della dolce pecorella
    FRANCESCA

Leave a Reply

Your email address will not be published.