Addio Facebook….il nuovo braccio di Matrix

Fui uno dei primi italiani ad iscriversi a Facebook quando ancora in Italia non si sapeva bene di cosa si trattasse. Una sera Jenny aveva portato la mia attenzione su di un articolo che narrava della potente espansione di questo network negli Usa e proprio poco tempo dopo venni invitato dal mio allora equivalente americano in eBay, Jim Griffith.

Uno strumento potente che sarebbe diventato sempre piu’ diffuso e radicato. Quando qualcosa e’ nella fase iniziale e se ne avverte le potenzialita’ e’ bene esserci per primi, andarci sino in fondo e seguirne lo sviluppo in prima persona mettendoci dentro tutto noi stessi.

Cosi’ ho fatto dai primi momenti arrivando a tenere convention importanti in Italia e all’ estero sull’ utilita’ di esserci tramite i social e di essere presenti per poterne cavalcare la potenza in maniera consapevole. Al contempo avvertivo le persone che la finestra sarebbe stata limitata nel tempo. Regola base: quando la curva arriva al suo punto massimo di maturazione l’ opportunita’ svanisce ed e’ bene dedicare la propria attenzione ad altro.

Qualcuno potrebbe obiettare che in questo caso, a parte gli ad su Facebook, non si tratta di business diretto. E’ una giusta osservazione. Il punto pero’ e’ differente e richiede maggiore attenzione.
Quello che Facebook vuole da noi e’ la nostra continua e costante attenzione per poter rimanere in vita. Esattamente come accade nel film ” I replicanti” che ti consiglio di vedere prima possibile.

La modifica con la funzione Diario ne e’ l’ ultima elaborazione, l’ ultima nuova frontiera. Ma cosa succede alla nostra attenzione selettiva e alla consapevolezza richiesta per poter continuare a crescere e ottenere risultati sempre piu’ importanti?

Qui, come si dice in gergo, casca l’asino. Mi ricordo come se fosse oggi la conversazione che ebbi con Chicco Testa che ad un certo punto mi disse che per il principio entropico dei social network ad un certo punto “la merda avrebbe coperto l’oro”.

Un’ affermazione potente che mi fece pensare per lungo tempo e a cui collegai diverse azioni mano a mano che la decisione di elevare la formazione che erogavamo al top dei top otteneva dei risultati mai visti in Italia e all’ estero.

Prima la riduzione dai quasi cinquemila “amici” a nemmeno cento persone. Quindi la piccola riapertura. La stessa gestione del gruppo riservato del Win Win Net 77 dove si convogliano i winner. Una gestione a fasi differenti che mi rendeva sempre piu’ chiaro che il mondo di Facebook era arrivato a ricalcare la forma del braccio armato di matrix, uno strumento di potente risucchio energetico di attenzione volta al nulla…un nulla sempre piu’ grigio anche se apparentemente colorato di emozioni di vario genere. Cosi’ ho sentito che ormai lo strumento essendo diventato di massa contiene tutti gli aspetti da cui voglio stare lontano. Stare lontano da un flusso conversazionale in cui il nulla ricco di finte verita’ tende a gonfiare la rete portando in basso coloro i quali sono alla ricerca di una consapevolezza che misceli il reale e il virtuale.

Cosi’ la decisione di fare un upgrade e’ stata presa e nelle prossime ventiquattro ore cancellero’ il mio profilo personale da Facebook. Quindi successivamente inizieremo la migrazione sullo strumento piu’ consono a persone eccezionali quali il forum del nostro gruppo per tutti i Winner del Win Win Net 77 andando quindi a chiudere il gruppo su facebook.

Persone eccezionali richiedono strumenti eccellenti e adatti e non quelli massificanti.

bye-bye-facebook

Scelte importanti che richiedono per tutti una presenza profonda.

Grazie Facebook per tutto quello che ho imparato, per essere stato un strumento di grande utilizzo, per il successo che ho realizzato grazie anche alla tua esistenza. Adesso e’ arrivato il momento di fare altre scelte. Io e noi ci spostiamo in un mondo che ci appartiene maggiormente.

 

4 Comments

  1. come ho già risposto alla condivisione di Lucia Merico su Facebook, la tua mancanza ha avuto ripercussione su tutto il mondo della formazione e del web, in pratica non si vede più nessuno che valga qualcosa! ennesima dimostrazione di un mondo finto, dove solo pochi e in gamba mettono a frutto ciò che insegnano agli altri, e tu sei stato uno dei pochi. Mi congratulo ancora con te Daniele e ancora ti ringrazio per ciò che mi hai insegnato, ti mando un abbraccio grande, permettimi fraterno, sei e sarai sempre un grande!
    Gian

  2. Ciao Giancarlo, grazie per i tuoi complimenti! La mia mancanza? Non sono e siamo mai stati così presenti, anzi….. proprio il fatto di uscire da un flusso coordinato in un certo modo è ciò che abbiamo fatto volontariamente per poter erogare una formazione al over the top. In Italia ci sono persone valide e che danno esattamente quello che sono. Nessuno può fingere e ogni persona ha il Maestro che si merita. Tutto alla fine è sempre perfetto, è solo questione di mantenere un’ attenzione consapevole con chi si sceglie di stare, di chi si sceglie come mentore e a chi si sceglie di insegnare :-)

Leave a Comment

 
 



 

Recent Comments

  • Alex Stampatore: Chiedere, durante una business coaching, di redigere un budg…
  • Dan Bogiatto: Ciao Alessandro, grazie per il tuo commento. Vado a leggere …
  • stefania.suriano: straordinario anche il video!!! l'energia sottile è un qual…

Ultime Foto

Apertura_TheGamepalco_TheGame1911696_492559930856051_146085017_n1794599_492560027522708_1626087740_n1969373_492560154189362_1347726302_n1622633_492560187522692_943630462_n1974983_492560254189352_457028660_n1798393_492560424189335_303519599_n